Shadowhunters Wiki
Advertisement

Lei aveva deciso, già da molto tempo, che vivere dentro una storia sarebbe stato terribilmente scomodo. Molto meglio scriverle, e controllare il racconto in modo da non renderlo mai né troppo triste né troppo spaventoso, solo il giusto perché fosse intrigante.

Lucie Herondale è la seconda e più giovane figlia di Will Herondale e Tessa Gray, e la sorella minore di James Herondale.

Biografia[]

Primi anni di vita[]

Lucie sviluppò un amore per la scrittura quando era piccola. Così tanto che al suo ottavo compleanno, la sua famiglia già le stava dando dei quadernetti nuovi per scrivere.

Durante un viaggio in Francia con sua madre, Lucie si incontrò e, nel giro di due settimane, divenne molto vicina a Cordelia Carstairs. Cominciarono a scambiarsi lettere ogni settimana. Nel 1897, Lucie chiese a Cordelia di essere parabatai e lei accettò; anche se la cerimonia fu rimandata perché il Conclave voleva assicurarsi che fossero cresciute abbastanza da decidere. Lucie iniziò a scrivere un romanzo intitolato La Bella Cordelia per lei e le inviò nuovi capitoli ogni mese per quattro anni.

Crescendo, Lucie trascorse le sue estati a Idris al maniero degli Herondale. Un'estate, quando aveva 10 anni, sgattaiolò fuori nel cuore della notte per giocare nella Foresta di Brocelind. Mentre lo faceva, si perse e cadde in una trappola fatata. Per fortuna fu salvata da Jesse Blackthorn, anche se non sapeva chi fosse in quel momento e presumeva che fosse un changeling.

Fantasmi[]

Nel 1903, Lucie incontrò di nuovo Jesse Blackthorn alla festa presso l'Istituto di Londra per dare il benvenuto alla famiglia Carstairs a Londra. Parlando con lui, imparò chi era e che era un fantasma. Pur essendo in grado di vedere un fantasma non era sorprendente ─ come Herondale non era insolito vedere o parlare con i fantasmi e Lucie era cresciuta così ─ ma era strano considerando che lui era in grado di toccarla e il resto della sua famiglia apparentemente non poteva vederlo. Spiegò inoltre che non era un fantasma comune e che solo sua madre e sua sorella erano mai state in grado di vederlo; era scioccato e incuriosito che lei potesse.

Nei giorni a venire, trascorse molto tempo con Jesse: imparando di più sulla sua vita, come morì, e come diventò quello che era. Fu anche in grado di avvertirla dei demoni Cerbero che stavano cercando suo fratello e Grace, permettendole di andare a salvarli, oltre a prestarle aiuto durante le indagini di lei e dei suoi amici sul demone Mandikhor che stava attaccando la città.

Durante la loro ricerca, si imbatterono nel corpo di Emmanuel Gast, lo stregone che aveva evocato il demone. Lucie fu in grado di allontanare lo spirito di lui dall'orlo del precipizio al fine di ottenere informazioni da lui, anche se non se ne rese conto al momento che questo era ciò che aveva fatto. Fu solo quando Cordelia cadde nel Tamigi mentre combatteva contro il Mandikhor, che Lucie capì il suo potere demoniaco. Gridando aiuto, convocò tutti i fantasmi di Londra in suo aiuto e tirarono Cordelia fuori dalle acque. In origine aveva supposto che fosse stato Jesse a salvare Cordelia fino a quando lui non le disse che aveva ricevuto la chiamata e che lei era quella che comandava gli spiriti.

Il giorno seguente, dopo che Christopher Lightwood fu avvelenato da alcuni demoni Khora, il gruppo si sciolse. A Lucie fu chiesto di andare con Thomas Lightwood a recuperare una pianta da Chiswick House per finire l'antidoto per il veleno che Christopher aveva sviluppato. Mentre era lì, ebbe una visione di suo fratello ferito e chiese a Jesse di controllarlo ad Highgate. Jesse tornò rapidamente dicendo che James non era dove si era visto, ma che aveva percepito la magia oscura. Lucie, in preda al panico, utilizzò la sua abilità per ordinare a Jesse di portarla da lui nel modo in cui i fantasmi viaggiano, il che fece arrabbiare Jesse.

Ad Highgate, trovò Matthew Fairchild privo di sensi, ma un rapido iratze lo svegliò. Le disse che James e Cordelia erano passati attraverso un Portale verso il regno delle ombre di James poco prima che la coppia cadesse prontamente dal cielo. Matthew si precipitò cercando di guarire con le rune James che stava chiaramente morendo, ma non funzionò. Lucie gli afferrò le mani e cominciò a supplicarlo di non andarsene. Jesse, sapendo quanto James significasse per lei, le offrì il suo ultimo respiro che era stato sigillato nel suo medaglione. Accettando, Lucie prese il medaglione e lo aprì alle labbra di James, liberando il respiro e salvandogli la vita.

Giorni dopo, Lucie andò alla tomba di Jesse, credendo che se ne fosse andato con il suo ultimo respiro. Invece apparve, anche se più debole, e la ringraziò per avergli permesso di essere uno Shadowhunter. Quando lei giurò che lo avrebbe ripagato salvandolo, lui le chiese di non farlo. Più tardi, però, alla festa di fidanzamento di James e Cordelia, ebbe una conversazione con Grace su Jesse e sui suoi piani di resuscitarlo con o senza il suo consenso; a cui Grace divenne molto interessata e la esortò a continuare.

Personalità e tratti[]

"Per quanto il mondo sembrasse oscuro e senza speranza, Lucie riusciva sempre a vedere la bellezza in una storia."

Lucie nasconde raramente i suoi sentimenti; è diretta e direbbe qualsiasi cosa stia pensando senza ripensamenti. Lucie è piuttosto impetuosa ed è anche descritta come una "chiacchierona" da Matthew Fairchild. È felice di essere ciò è.

Lucie è una scrittrice, e non può fare a meno di essere incuriosita da misteri e romanticismo. Lucie tende a inventare le cose o indovinare le circostanze creativamente. Dà un senso alle situazioni pensando ai suoi personaggi nelle sue storie.

Descrizione fisica[]

Lucie ha i capelli castani, ereditati dalla madre, e gli occhi azzurri chiari che sono una tonalità leggermente più chiara di quelli di suo padre. Come suo fratello, ha le fossette ed è considerata molto attraente.

Curiosità[]

  • Prende il nome da Lucie Manette, un personaggio del libro Racconto di due città, uno dei preferiti di entrambi i suoi genitori.
  • Come suo padre, è la parabatai di una Carstairs.
  • Lucie, come suo fratello e i suoi cugini, sa parlare il gallese.
  • Iniziò ad imparare il persiano nel 1901 (per Cordelia) con la madre e l'aiuto occasionale di Thomas Lightwood.
  • Il suo libro preferito è Il Castello di Otranto di Horace Walpole.
  • Il dolce preferito di Lucie è il budino di pane e burro.
  • L'animale preferito di Lucie è il passerotto.
  • Lucie aveva una piccola cotta per Malcolm Fade una volta.
  • Quando era piccola, Lucie voleva diventare una Sorella di Ferro, prima di rendersi conto di quanto fredda possa essere l'Islanda.
  • Secondo un albero genealogico trovato, avrebbe sposato Jesse Blackthorn, con il quale continuò la dinastia Blackthorn, e morì nel 1959 all'età di 71 o 72 anni. Lo stesso albero genealogico affermava erroneamente che Lucie fosse nata nel 1891.
  • Cassandra Clare originariamente aveva previsto che il suo libro preferito fosse Grandi speranze di Charles Dickens, tuttavia, fu dato a James come suo.
  • Suo fratello, James, la chiama Spots e Tuppence, tra gli altri soprannomi.
  • Lei e Cordelia diventeranno parabatai in The Last Hours.





Lucie Herondale nasce nel 1887. Seconda genita di Will Herondale e Tessa Gray, sorella minore di James Herondale.

Lucie ha una grande passione per la scrittura, tanto che sogna di diventare una scrittrice.

Come suo fratello ha ereditato dei poteri dalla parte demoniaca della madre. A differenza di James, però, non ha segni fisici distintivi e scoprirà i propri poteri solo nel 1903.

Personalità[]

Sua madre, una volta, disse a Magnus Bane che Lucie, a differenza di James, è più impetuosa ed estroversa. Tende a dire qualunque cosa stia pensando e raramente nasconde i suoi sentimenti. Generalmente è una ragazza molto pratica e razionale, ma può anche essere sognante. Lucie è coraggiosa, che si tratti di combattere o di confrontarsi con altre persone (anche più grandi di lei). Lucie è appassionato dai misteri, motivo per cui la storia di Jesse Blackthorn la incuriosisce tanto. Ha una grande passione per la scrittura. Raramente la si vede insicura, una delle cose che la rendono tale sono i poteri appena scoperti.

Relazioni[]

James Herondale[]

James è il fratello maggiore e i due sono molto legati. Lucie parla con lui di diverse cose, così come fa il fratello e raramente litigano.

Avendo origliato una conversazione tra il fratello e il suo parabatai in cui si diceva interessato a una ragazza che sarebbe giunta a Londra, Lucie pensa che il fratello provi qualcosa per la sua futura parabatai. Cordelia, infatti, arriva a Londra insieme a sua madre e a suo fratello. L'idea che tra la sua migliore amica e il fratello potesse nascere qualcosa la riempie di gioia. Quando scopre che, in realtà, si riferiva a Grace Blackthorn, Lucie ci rimane male.


Cordelia Carstairs[]

Durante una gita con sua madre in Francia, incontra Cordelia Carstairs. In sole due settimane le due ragazze diventano molto amiche e la loro amicizia non finisce con la partenza di Lucie, poiché decidono di di rimanere in contatto costante, scrivendosi delle lettere. Qualche tempo dopo, all'età di dodici anni, Lucie inizia a scrivere il romanzo La bella Cordelia, con lo scopo di far sorridere l'amica. Nel 1987, Lucie le chiede di diventare Parabatai e Cordelia accetta. La loro cerimonia viene però rimandata dal Conclave, il quale preferisce aspettare che le due ragazze crescano. Nel periodo di attesa, Lucie tenta di imparare il persiano, perché ci tiene a sapere la lingua della sua futura parabatai.

Nel 1901 Cordelia si trasferisce a Londra, con grande gioia di Lucie, che le permetterà di aver la sua migliore amica vicino.


Matthew Fairchild[]

"Io non mi diverto a vedere che ti fai del male."
— Lucie a Matthew, La catena d'oro

In quanto parabatai del fratello, Lucie vede spesso Matthew. Insieme a Christopher Lightwood e Thomas Lightwood, Lucie lo considera un caro amico. Lucie è affezionata a Matthew e viceversa, ha un rapporto sincero e schietto. In diversi si tengono alla larga da lui e altri, come i suoi amici, a volte temono di dirgli la verità, ma non Lucie. Alle volte la ragazza smorza i toni scherzosi di Matthew, soprattutto quando lui cerca di evitare argomenti seri.

Lucie sa di piacere a Matthew, ma, a a differenza del fratello, crede e ha notato che il vero interesse del ragazzo sia per qualcun'altro.


Jesse Blackthorn[]

"Non ho mantenuto il silenzio per proteggere Grace o tua madre. Solo per proteggere te. Non mi aspettavo che tu fossi un amico così fedele come sei stato, Jesse."
— Lucie, La catena d'oro

Lucie incontra Jesse Blackthorn quando aveva dieci anni. Una sera uscì di nascosto e girò per la foresta, finendo poi in una trappola delle fate. Arriva in suo soccorso Jesse, le quale non le rivela la sua identità e la ragazza, anche negli anni a venire, lo crederà un changeling (un bambino scambiato dalle fate). Lucie non lo rivede per altri sei anni, tuttavia continua a pensare a quel ragazzo e alla sua storia misteriosa.

Sarà solo nel 1903, a Londra, che la ragazza rivede Jesse, scoprendone la storia. Lucie nota che qualcosa non va, dal momento che Jesse si presenta alla festa dell'Istituto, ma nessuno sembra vederlo. Non appena Jesse la vede e la riconosce, rimane stupito e, rimasti soli, le confessa che è Jesse Blackthorn, ma in versione fantasma. Il ragazzo rimane sorpreso che lei sia in grado di vederlo, poiché solo Grace e Tatiana sono in grado; mentre Lucie rimase sorpresa del fatto che suo fratello e suo padre (entrambi in grado di vedere i fantasmi) non vedono Jesse.

Tra i due nasce un'amicizia, tanto che Jesse le rivela l'intenzione della madre di riportarlo in vita, mentre Lucie mantiene il suo segreto e, in diverse occasioni, chiede il suo aiuto.

Inaspettatamente Jesse aiuta Lucie anche quando vede che James sta morendo a causa del veleno di demone. Il momento prima, infatti, Lucie lo aveva costretto a portarla con sé, spostandosi come fanno i fantasmi, per raggiungere i suoi amici. Jesse è arrabbiato e ferito che lei gli abbia fatto fare qualcosa che non si sentiva, ciononostante, dopo aver visto la disperazione di Lucie, decide di dare a James la fiala contente il suo ultimo respiro (che Jesse conservava per poter tornare in vita). Lucie si sente in colpa per avergli tolto quella che era la sua possibilità e di averlo ferito, gli promette quindi di trovare un modo per portarlo indietro. Nonostante Jesse si dica contrario, Lucie è determinata e cercherà l'aiuto di Grace Blackthorn, la quale aveva scoperto dell'amicizia tra il fratello e la giovane Herondale.

Curiosità[]

  • E' stata chiamata così in onore del personaggio del libro Racconto di due città, il libro preferito di entrambi i sui genitori.
  • Come suo fratello e i suoi cugini sa parlare il gallese.
  • Come suo padre è la parabatai di un Carstairs.
  • Come suo fratello ha ereditato dei poteri dalla parte demoniaca della madre. Lucie li scoprirà solo nel 1903.
  • La sua arma preferita è un'ascia da lancio.
  • Il suo libro preferito è Il castello di Otranto di Horace Walpole.
  • Inizialmente, il suo libro preferito doveva essere Grandi speranze, di Charles Dickens.
  • Il suo animale preferito è il passero.
  • Secondo l'albero genealogico ha sposato Jesse Blackthorn, con cui ha continuato la discendenza dei Blackthorn.
  • Sempre secondo l'albero genealogico muore nel 1959, all'età di 71/72 anni.

Apparizioni[]

Advertisement